Nuova carta d'identità, finalmente! .. ma all'italiana .. come sempre

Da gennaio a Ferrara finalmente si può avere la nuova carta d'identità finalmente da paese civile!
Ovviamente a pagamento ...

Appena saputo uno dei primi giorni utili ho pagato, l'ultima volta con il rudere che avevo nel portafoglio ho rischiato non mi lasciassero rientrare dall'UK.

Ho dovuto portare una foto che hanno scannerizzato.
Ma scusate non costava uguale fare direttamente la foto allo sportello con una misera cam?
Ah già .. qualcuno poteva obiettare che è un contabile e non un fotografo, ma io potrei obiettare che ho dovuto compilare dei moduli e non sono uno scrittore.

Non sono così dietrologo da pensare che sia fatto per favorire i privati che mettono le macchinetta fuori dall'anagrafe (dove tra l'altro il fotografo sei tu, che di solito non sei fotografo professionista).

Poi mi hanno preso l'impronta digitale, personalmente non ho nulla in contrario, se vogliono possono prendermi anche quelle dei piedi.
Ma tutta la polemica quanto le impronte le hanno prese agli immigrati ora che le prendono a noi chi le ha sentite?

Splendido ... tutto contento la mostro con orgoglio.
In procinto di partire per l'estero mi arriva un avviso che è il caso di rifarla in quanto la data memorizzata sul chip per un errore sulle prime carte non corrisponde a quella stampigliata ed alla dogana potrebbero avere dei problemi.
In un paese normale l'amministrazione si scusa e chiede di passare a prendere quella corretta.

Ma dato che non siamo un paese normale ho dovuto tornare con foto e tutto il resto e ricompilare tutto daccapo, parcheggiare, andare in orario ufficio ecc.
Ovvero l'errore l'hanno fatto loro ma la pezza la metti tu, mancava solo che mi facessero ripagare.

E la carta? Sì è bella, scritta in microscopico per i dati più importanti, ma capisco lo spazio è poco, ma scrivere in piccolo Repubblica Italiana e Ministero dell'Interno che nessuno leggerà mai e più in grande la data di scadenza che si legge sempre?

Ma soprattutto il numero della carta, ovvero il dato più importante in assoluto è quello in alto a destra di lettere e numeri.
Nella vecchia carta d'identità era evidentemente il dato più importante, nella nuova c'è invece un numero in basso a destra nel mio caso 6 numeri (che mi dicono dovrebbe essere un codice carta, ma non c'è scritto nulla) con un font più grande del codice della carta (che tra l'altro non ha neppure la scritta 'codice carta' o qualcosa del genere).

Quindi aspettiamoci una marea di gente che scriverà nei siti on-line questo secondo codice, per poi vedersi rifiutare una operazione o una prenotazione in un secondo tempo.

Insomma una carta d'identità italiana all'italiana, finalmente l'hanno partorita dopo decenni ... ma noi siamo un popolo paziente ... anche troppo

Stampa