Il prossimo Windows 9

Come avevo facilmente pronosticato Windows 8... non è stato il 'successone', sembrava fosse solo una opinione mia (e tenendo conto che tutte le macchine acquistate o quasi lo montano, vuol dire proprio che la gente non lo vuole).

Quindi alla Micro$, che non sono stupidi correranno ai ripari con la versione 9.

Qualche consiglio, sarà un successo se ci convinceranno che lo fanno per gli utenti e non per se stessi quindi:


Lo regaleranno o quasi.

Toglieranno le clausole protezionistiche sul Secure Boot (NON certificare solo macchine Win obbligando al Secure Boot attivo), se non lo fanno spontaneamente a quando una accusa di abuso di posizione dominante?

Non costringeranno a ricomprare tutti i pacchetti.

Non invalideranno montagne di driver già pronti e funzionanti.

Non ti costringeranno al Cloud per forza o a costi ripetuti di licenza.

Aggiungeranno cose senza toglierne di nascosto altre (un Paint di oggi non deve fare la metà di quello di due versioni prima, se ho un DVD devo continuare a poterlo leggere).

Non si sia obbligati a comprare un antivirus perché 'non si sa difendere decentemente'.

Non pensi solo a standard propri, se faccio una partizione NTFS deve essere mappabile dagli altri senza bisogno di disabilitare 'l'avvio rapido'.

Deve leggere e scrivere partizioni ext2, ext3, ext4 e non obbligare a NTFS perché standard proprio.

Ricomincino a far vedere (magari in piccolo o in chiaro)
le estensioni dei files per default!

Ci sia il menu Start perchè la gente lo vuole, se non hai un tablet o integri l'interfaccia in modo da non rimpiangerlo (vedi Unity di Ubuntu), oppure non devi 'subire' l'interfaccia che non vuoi con 'schermate volanti a comparsa improvvisa' mentre lavori.

Le persone non cambiano sistema per far piacere a Micro$ ma per ottenere qualcosa di più.

 

Stampa