RAI Canone Speciale, vergogna reale

Premessa:
Ci sono delle persone, io ad esempio, che da sempre pagano il Canone RAI perché lo ritengono un dovere civico, non è facile quando incontri sempre la persona di turno che ti da del poco furbo cercare di difendere questa posizione (fino al giorno in cui ti rendi conto che stai difendendo una società indifendibile).

Ovviamente, da sempre la mia speranza è che la RAI trovi un sistema in grado di 'stanare gli evasori', mai avrei aspettato che lo facessero colpendo le persone che il canone lo pagano.

Ecco che un giorno inviano a liberi professionisti come me che lavorano da soli in una stanza di casa, senza antenna e magari senza copertura di segnale televisivo, la richiesta di un 'canone speciale' (nel mio caso 400 euro).
Già perché secondo loro io lavoro davanti alla TV, anzi il possesso del televisore per me sicuramente è uno straordinario incentivo per i 20 clienti che mi vengono in ufficio in un anno per una esplosione di fatturato.
Probabilmente si aspettano che vengano da me proprio per guardare la TV insieme (senza antenna).

Tutto questo attaccandosi ad una norma della notte dei tempi per cui non conta l'uso che si fa dell'oggetto, basta la presenza del Tuner integrato (un TV, un digitale terrestre ecc.).
Che poi sia inscatolato, che funzioni, che serva come monitor da PC e non come televisore per la norma è indifferente, l'uso è ininfluente.
Vuoi che dopo anni a libro cespiti non risulti qualcosa con il Tuner?
Premesso che la maggior parte dei mie clienti neanche sa cos'è.

Il Tuner dal mio piccolo ufficio ci starà lontano, ma queste furbatine potranno giovarvi al portafoglio ma fate la figura dei 'furbetti' da cui difendersi.
E allora la gente che non paga il canone semplicemente fa la furbetta come voi, ve la meritare.
Altro che posto in prima fila ...

Vergognatevi!

Stampa