Passione e lavoro

Su Punto Informatico qualcuno ha ipotizzato si possa sviluppare per lavoro basandosi esclusivamente su volontari.
Questo mi ha portato ad una riflessione.
Da anni lavoro in informatica con grande passione.

Quando uno fa le cose per passione tende a lavorare bene concentrandosi soprattutto su quello che piace e rischia di trascurare quello che non é interessante o che sembra presentare ostacoli eccessivi.

Quando lavori gli ostacoli sei costretto a superarli, hai dei tempi e delle specifiche da rispettare sei indubbiamente meno libero e di conseguenza il lavoro da meno soddisfazioni.

Puoi essere un falegname che fa il lavoro per passione, ma un conto se ti commissionano una porta costosa da costruire secondo il tuo gusto e con i tempi che vuoi, un conto se ti commissionano 100 porte standard tutte uguali.
Ma se servono 100 porte qualcuno le deve fare, se poi uno riesce a vivere vendendo solo la porta fatta di suo gusto con i suoi tempi, meglio per lui (ma vi garantisco sono pochissimi a poterselo permettere).

Questo per dire che un modello di sviluppo basato sulla sola passione lo ritengo irrealistico a meno che non si stia sviluppando in tantissimi un progetto indefinito con tempi non contingentati.
Ma le logiche economiche di oggi di norma non lo permettono.

Stampa