Studio del 2005, l’Unione Europea trova troppo oneroso il passaggio all’Open Source

Personalmente ho avuto modo di visionare studi dell’Unione Europea, al di la del fatto che dove si parla di previsioni tutto è soggettivo, li ho trovati davvero ben fatti e meno ‘di parte’ di quello che sembra.

Qui sembra che l’errore stia nella valutazione di una traslazione di tutto in Open Source.
Trovo verosimili le conclusioni se si parte dal presupposto che M$ ha fatto sicuramente una serie di personalizzazioni il cui porting è indubbiamente costoso.

Il ragionamento da fare era un altro, premesso che l’adozione di software Open Source svincola dai fornitori (e tanto altro) occorre valutare i singoli passaggi e lavorare per arrivarci ‘a lungo termine’.

In pratica cominciamo a valutare i costi per l’adozione (molto probabilmente più rapida ed indolore) di OpenOffice, Firefox, Thunderbird, tanto per comiciare,
Cominciamo a sviluppare su Web o in Open Source le cose nuove.

Gli obiettivi a lungo termine vanno affrontati con gradualità.
Nel tempo il passaggio di tutto il resto diventerà progressivamente sempre meno costoso e più fattibile.

Stampa